Ubuntu 21.04 ha directory private private per impostazione predefinita

Dopo Ubuntu 20.10 “Groovy Gorilla”, il prossimo Ubuntu 21.04 “Hirsute Hippo” sarà rilasciato il 22 aprile 2021, con il desktop GNOME 40.

Poiché 21.04 è ancora in fase di sviluppo, il responsabile della sicurezza tecnica di Ubuntu Alex Murray ha condiviso un file Nuovo cambiamento che lui proposto l’anno scorso ed è ora incluso per il prossimo Ubuntu 21.04 e versioni successive.

In questa nuova modifica, hai aggiornato i pacchetti adduser e shadow per cambiare l’autorizzazione predefinita delle directory home da 755 (rwxr-xr-x) a 750 (rwxr-x—) quando vengono create utilizzando l’utility adduser o useradd.

Ciò significa semplicemente che se installi Ubuntu 21.04 da zero e crei nuovi utenti, le directory home non saranno più leggibili o eseguibili da altri utenti sullo stesso sistema, che in precedenza era leggibile in tutto il mondo per impostazione predefinita.

Tuttavia, un utente o un amministratore può comunque aggiornare le autorizzazioni della cartella home se desidera che la directory sia pubblica o accessibile ad altri.

Se non lo sai, l’argomento secondo cui la directory home è troppo aperta per tutti lo era alto nel 2006.

Ma ora, dopo più di 14 anni considerando la significativa base di clienti e utenti di Ubuntu nel cloud pubblico e negli spazi server e avendo una maggiore sicurezza, il team di Ubuntu ha deciso di smettere di creare directory home leggibili del mondo da Hirsute Hippo.

Vale anche la pena notare che la nuova proposta non ha ricevuto opposizione.

Come dice anche Alex Murray dal punto di vista della regressione, la modifica del comportamento predefinito non influirà sulle autorizzazioni sulle installazioni o sugli aggiornamenti esistenti.

Se vuoi testare Ubuntu 21.04 Hirsute Hippo prima del suo rilascio stabile, puoi scaricare la sua immagine ISO aggiornata quotidianamente da Qui.

Nota: Il Daily ISO potrebbe contenere errori, quindi si consiglia di non utilizzarlo per la produzione.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *