Linux per Mac di Apple M1 è finalmente arrivato, grazie a Corellium

Proprio quando pensavamo che i computer desktop / laptop con chipset ARM non avessero alcun senso, Apple ha inventato un rivoluzionario chipset M1 e ha mostrato al mondo di cosa è capace. A differenza di altre controparti Mac con CPU Intel, fino a ieri M1 non aveva la capacità di eseguire Linux. Grazie a Corellium, ora è possibile eseguire Linux per Mac M1.

La società nota per aver vinto una causa contro Apple alla fine ha creato il proprio sistema operativo Linux Mac M1. Questo certamente apre le porte ad altre comunità Linux per fare lo stesso.

Corellium Linux per Mac M1 è nelle prime fasi beta

Il creatore di Linux Linus Torvalds voleva che M1 Macbook Air eseguisse Linux, ed è finalmente una realtà. Chris Wade, CTO di Corellium, ha twittato ieri che il sistema operativo Linux di Corellium è disponibile e nelle primissime fasi beta.

Crediti: iClarified

Ecco una primissima versione beta di Linux su m1 per * solo utenti avanzati *. https://t.co/pFLgksZsdw se non sai come eseguirlo, attendi fino a domani quando verrà rilasciata la versione completa con USB, SMP (con istruzioni).

– Chris Wade (@cmwdotme) 17 gennaio 2021

Inoltre, ha anche avvertito gli utenti di procedere con l’installazione solo se sanno cosa stanno facendo. Maggiori dettagli sulla “versione USB completa” avrebbero dovuto essere rivelati oggi, ma non ci sono ancora aggiornamenti.

Leggi anche: Tutto sul chip M2 di Apple

La versione beta iniziale è ora disponibile per il download all’indirizzo Sito web ufficiale di Corellium e si chiama “Linux Macho”. Se possiedi un Mac M1 e vuoi provare Linux, ti suggeriamo di attendere poiché il processo di installazione può essere difficile.

Il chip M1 di Apple è senza dubbio una meraviglia dell’ingegneria, ma l’unico grande svantaggio è che, poiché è basato su ARM, molte applicazioni utilizzano tecniche di virtualizzazione che influiscono sulle prestazioni o gli utenti devono affrontare problemi imprevisti.

Questo non è un problema nuovo, poiché anche i “PC sempre attivi” che eseguono i SoC ARM di Qualcomm non hanno la capacità di eseguire software come Adobe Suite.

Ad ogni modo, è piuttosto impressionante vedere i progressi della community dopo soli tre mesi dal lancio della M1 e non vediamo l’ora di vedere cosa succederà.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *