Attenti! NordVPN conferma che il suo server è stato violato

Quando si tratta di proteggere la privacy online, molte persone preferiscono reti private virtuali o VPN. Tuttavia, come garantisci la tua privacy su Internet quando i server VPN vengono violati? NordVPN, una delle VPN più popolari utilizzate da milioni di utenti in tutto il mondo, ha confermato che uno dei suoi server è stato violato a marzo 2018.

Una chiave di sicurezza interna scaduta è stata accusata della violazione. La società afferma che è stato effettuato l’accesso non autorizzato a uno dei data center situati in Finlandia. L’hacker è riuscito a violare il server sfruttando un sistema di gestione remota non sicuro implementato dal provider del data center. NordVPN afferma di non essere a conoscenza di alcun sistema di questo tipo prima della violazione.

NordVPN ha confermato che il server violato non conteneva alcun dato utente, comprese le credenziali, in quanto non registra i dati dell’utente. Pertanto, non è possibile che i dati dell’utente siano stati rubati dal server. La società ha anche affermato che non è possibile utilizzare la chiave privata scaduta per decrittografare il traffico VPN sugli altri server.

Tuttavia, un cattivo attore potrebbe eseguire un attacco man-in-the-middle personalizzato per una singola connessione che accede a NordVPN.

Il provider VPN ha riconosciuto che la violazione del server è avvenuta “alcuni mesi fa”, ma il motivo per cui non ha rilasciato le informazioni, poiché volevano essere “sicuri al 100% che ogni componente all’interno della nostra infrastruttura sia sicuro”.

Secondo TechCrunch, NordVPN non è l’unico provider VPN che è stato violato l’anno scorso. Si ritiene che anche TorGuard e VikingVPN siano stati compromessi in incidenti precedenti.

Ora, dopo la segnalazione di violazione, se desideri passare a qualsiasi altra VPN, ecco l’elenco delle migliori VPN a cui puoi fare riferimento.

Leggi anche: Gli hacker utilizzano Google Home e Alexa per intercettare e rubare le password

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *