7 modi in cui le tue chat WhatsApp potrebbero essere violate e come evitarle

WhatsApp è una popolare applicazione di messaggistica che è diventata una parte indispensabile della nostra vita come canale di comunicazione. Ma avere le tue chat di WhatsApp hackerate è probabilmente il peggior incubo di tutti e puoi evitarlo conoscendo i metodi che possono essere utilizzati per hackerare le chat di WhatsApp e prendendo misure precauzionali al riguardo.

I 7 migliori metodi utilizzati per hackerare le chat di WhatsApp

  • 1. Sfruttare le vulnerabilità
  • 2. WhatsApp Web

    • Come impedire che il web di WhatsApp venga sfruttato?
  • 3. Esportare la cronologia chat in e-mail
  • 4. Accesso ai backup della chat
  • 5. Cattura file multimediali

    • Come evitare il furto di file multimediali su WhatsApp?
  • 6. Metodo di rappresentazione
  • 7. Utilizzo di spyware di terze parti

1. Sfruttare le vulnerabilità

Di tanto in tanto, vengono alla luce nuove vulnerabilità che possono essere utilizzate in modo improprio per hackerare le chat di WhatsApp. Alcune delle vulnerabilità popolari di WhatsApp che hanno causato il caos nell’ultimo anno sono l’attacco con chiamata vocale Pegasus e l’esecuzione di codice remoto tramite GIF.

L’attacco con chiamata vocale di Pegasus ha consentito agli hacker di accedere a un dispositivo semplicemente effettuando una chiamata vocale WhatsApp al loro obiettivo. Anche se il bersaglio non ha risposto alla chiamata, l’attacco potrebbe comunque funzionare e il bersaglio potrebbe anche non sapere che il malware è stato installato sul proprio dispositivo.

Mentre l’altra vulnerabilità riguardava GIF dannose che, se visualizzate dalla vittima, consentivano agli aggressori di dirottare la cronologia chat di WhatsApp.

Sebbene queste vulnerabilità siano state corrette, c’è sempre la possibilità che ne emerga una nuova e fintanto che quelle vulnerabilità sconosciute rimangono in circolazione. Pertanto, c’è sempre un rischio per la sicurezza.

Consigli: Mantieni sempre aggiornato il tuo WhatsApp, poiché il team di sviluppatori continua a rilasciare nuove patch volte ad affrontare tali vulnerabilità. E se non aggiorni WhatsApp da molto tempo, ti consiglio di farlo subito!

2. WhatsApp Web

WhatsApp Web è una funzionalità che rende l’applicazione di messaggistica accessibile su un browser desktop. È possibile inviare e ricevere messaggi di testo, immagini, video e file tramite esso. Le tue chat, così come i tuoi file multimediali, rimangono completamente sincronizzati tra il tuo dispositivo mobile e il tuo desktop. Ciò significa che qualsiasi azione intrapresa su entrambi i dispositivi si riflette anche sull’altro dispositivo.

Tuttavia, questa funzionalità presenta anche un rischio per la sicurezza. Sebbene sia necessario autorizzare WhatsApp Web su un PC scansionando il codice QR nella tua app mobile WhatsApp, una volta che il dispositivo desktop è stato autorizzato, continua a dare accesso alle tue chat WhatsApp tramite il PC.

Quindi, se consenti a qualcun altro di accedere a questo PC con accesso autorizzato al tuo account web WhatsApp, quella persona può aprire https://web.whatsapp.com/ nel browser e tutte le tue chat saranno visibili a quella persona.

Da lì, la persona può scegliere di esportare le chat o prendere screenshot, hackerando così efficacemente la propria chat di WhatsApp e violando la sua privacy.

Come impedire che il web di WhatsApp venga sfruttato?

Ecco alcune cose che puoi fare per mantenere le tue chat al sicuro su WhatsApp Web:

  • Non attivare mai WhatsApp Web su un PC accessibile ad altre persone. Se devi farlo in una situazione necessaria, non dimenticare di disconnetterti dal tuo account. Per disconnettersi dal tuo account web WhatsApp, fai semplicemente clic sul pulsante verticale a tre punti e seleziona disconnetti, come mostrato nell’immagine qui sotto.
  • In alternativa, puoi scegliere di non fare clic sull’opzione “Resta connesso” che appare quando stai per accedere a WhatsApp web. In questo modo, WhatsApp ti disconnetterà automaticamente ogni volta che termina la tua sessione.
  • Finché il tuo sito web WhatsApp è attivo su un dispositivo, la tua applicazione mobile ti avviserà sempre nel pannello delle notifiche del tuo smartphone. Quindi, se vedi questo messaggio di seguito, disconnettiti rapidamente da tutti i dispositivi aprendo l’app WhatsApp sul telefono> Altre opzioni> WhatsApp Web> Esci da tutti i dispositivi> ESCI.

3. Esportare la cronologia chat in e-mail

Questo metodo è simile al precedente e richiede l’accesso fisico al tuo dispositivo per hackerare le chat di WhatsApp. Questo metodo richiede meno di un minuto per funzionare e tutto ciò che devi fare è accedere segretamente al tuo dispositivo, ingannandoti o approfittando del fatto che il tuo dispositivo è stato sbloccato.

Per esportare le chat di WhatsApp, devi semplicemente aprire WhatsApp, toccare Altre opzioni (angolo in alto a destra) e selezionare l’opzione Esporta chat e inviare tutte le chat a un ID e-mail a cui sarà possibile accedervi in ​​seguito.

Consigli: Mantieni sempre il tuo dispositivo protetto da PIN o impronta digitale per impedire a chiunque di spiare le tue chat. Se devi consegnare il tuo dispositivo a qualcuno, assicurati di utilizzare un app locker su WhatsApp per tenerlo al sicuro.

Leggi anche: Come leggere i messaggi WhatsApp cancellati?

4. Accesso ai backup della chat

Va notato che WhatsApp fornisce la crittografia end-to-end solo sulla sua piattaforma. Ciò significa che nel momento in cui le tue chat lasciano WhatsApp, perdi la crittografia.

Nel caso in cui tu abbia attivato l’opzione Backup chat e abbia salvato una copia della tua conversazione su Google Drive o iCloud, ricorda che non sono crittografati e possono essere facilmente accessibili da altri se riescono ad hackerare o ad accedere al tuo account Gmail o iCloud . .

Consigli: Personalmente, non consiglio di mantenere i backup della chat nel cloud semplicemente a causa dei rischi per la sicurezza coinvolti. Anche se devi farlo perché hai conversazioni importanti da salvare, ti suggerisco di stare molto attento a mantenere il tuo account cloud al sicuro utilizzando password complesse e non condividendole con nessuno.

5. Cattura file multimediali

WhatsApp mantiene i tuoi messaggi crittografati durante il transito, ma una volta che un file multimediale raggiunge il tuo telefono, lo stesso non può essere garantito. Il Media File Jacking è una vulnerabilità in cui l’attaccante sfrutta il modo in cui WhatsApp riceve file multimediali come foto o video e li scrive nella memoria esterna di un dispositivo.

Il dirottamento dei file multimediali può essere eseguito installando malware dannoso nascosto all’interno di un’applicazione dall’aspetto innocuo. Questo malware può monitorare i file in arrivo su WhatsApp. Quindi, quando arriva un nuovo file, il malware può scambiare il file reale con un file falso e potrebbe essere utilizzato per truffare le persone o semplicemente monitorare le loro chat.

Come evitare il furto di file multimediali su WhatsApp?

Per prevenire il furto di file multimediali su WhatsApp, vai su impostazioni > Impostazioni della Chat > Salva nella galleria opzione e convertirlo Off. Ciò impedirà che le tue chat di WhatsApp vengano hackerate.

6. Metodo di rappresentazione

Utilizzando il metodo di phishing, le chat di WhatsApp possono essere violate senza accesso fisico al dispositivo e questo è ciò che le rende pericolose e difficili da prevenire. Sebbene sia un compito complicato, non è del tutto impossibile.

In questo metodo, l’attaccante deve farlo trova l’indirizzo MAC dello smartphone di destinazione. Successivamente, possono utilizzare Busy Box e Terminal Emulator sul proprio smartphone per cambiare l’indirizzo MAC Wi-Fi sul proprio dispositivo con l’indirizzo del dispositivo di destinazione.

Quindi installano WhatsApp e inseriscono il numero di telefono del dispositivo di destinazione. Quindi ottengono il codice di verifica sul dispositivo di destinazione per accedere. Una volta ricevuto il codice di verifica, lo usano per accedere all’account WhatsApp della destinazione e rimuovere il codice di verifica per impedire alla vittima di rilevarlo.

Tuttavia, una bandiera rossa potrebbe essere che WhatsApp sul dispositivo della vittima si disconnetterebbe quando l’hacker accede. Ma, sfortunatamente, a quel punto il danno potrebbe essere fatto.

7. Utilizzo di spyware di terze parti

Ci sono un certo numero di app di monitoraggio cellulare come EvaSpy o Spyzie disponibili che sono stati creati appositamente per monitorare le chat su WhatsApp e altre applicazioni di messaggistica. Affinché questo metodo funzioni, qualcuno deve installare questa app sul tuo telefono accedendo fisicamente e concedendo l’accesso per monitorare le tue chat.

Alcune di queste app spia offrono funzionalità aggiuntive come l’ascolto di ambienti live, registrazione dello schermo, keylogging, controllo della fotocamera, screenshot e registrazione della chat.

Puoi anche fare un salto di qualità e optare per uno spyware che hackera le chat di WhatsApp da remoto. Alcuni dei nomi noti sono POCWAPP e WSP 3.0 – WhatsApp Scan Pro. Ora queste app sono a pagamento e disponibili su DarkNet, quindi non è qualcosa che viene utilizzato frequentemente, ma ciò non elimina il fatto che ci sono strumenti disponibili che potrebbero violare la tua privacy.

Consigli: Per evitare di diventare vittima di applicazioni spyware, non installare applicazioni da fonti non verificate e tieni d’occhio il tipo di applicazioni installate sul tuo telefono. Se vedi un’applicazione che non hai installato tu stesso o osservi comportamenti sospetti in essa, ti consiglio di disinstallarla immediatamente.

Leggi anche: Le migliori alternative a WhatsApp che offrono privacy

Impedisci che le chat di WhatsApp vengano hackerate

Questi erano alcuni dei modi in cui le tue chat di WhatsApp possono essere violate. Spero che questo ti aiuti anche a evitare di cadere vittima di uno qualsiasi di questi metodi. Ecco un altro articolo che spiega in modo più dettagliato come mantenere al sicuro le tue chat WhatsApp. Segui i passaggi qui menzionati per aumentare la tua sicurezza.

Nel frattempo, se hai qualcos’altro da aggiungere o qualsiasi altra domanda, non esitare a contattarci tramite commenti ed e-mail.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *